Posted on

Olivetti formes et recherche

Olivetti formes et recherche

A cinquant’anni dalla prima presentazione, la mostra internazionale 1969. Olivetti formes et recherche dedicata all’Olivetti, torna in Italia (a CAMERA di Torino) fino al 24 febbraio 2019.

Promossa da CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia e dall’Associazione Archivio Storico Olivetti, questa esposizione, infatti, manda in scena oltre 70 scatti dell’omonima rassegna curata da Gae Aulenti nel 1969 a Parigi: una mostra che Olivetti portò in tutto il mondo passando da Barcellona a Madrid, da Edimburgo a Londra, fino ad approdare a Tokyo nell’ottobre 1971.

Il nuovo allestimento a cura di Barbara Bergaglio, Marcella Turchetti e GIangavino Pazzola è un racconto per immagini che indaga, attraverso l’occhio critico e le visioni inedite di grandi maestri come Ugo Mulas, Alberto Fioravanti, Giorgio Colombo e Tim Street-Porter, la storia e i retroscena dell’azienda Olivetti e dei personaggi che nel tempo hanno gravitato intorno a questo brand (basti pensare a Ettore Sottsass, Mario Bellini, Italo Calvino e Lord Snowdon).

Le immagini originali dell’Archivio di Ivrea riportano all’attenzione l’attualità del pensiero di Olivetti, che coniugava arte, industria, design e produzione per creare e portare avanti valori imprtanti. Basta guardare il filmato per la regia di Philippe Charliat, commentato da Riccardo Felicioli, sfogliare il catalogo con i testi di Giovanni Giudici e osservare il manifesto della mostra ideato da Clino T. Castelli, che ridisegna un uomo vitruviano distante da soluzioni standard definitive, per comprendere la filosofia di Olivetti e il successo conquistato grazie alla sua innata spinta verso l’innovazione di qualità.

Una volta conclusa, l’esposizione si sposterà in primavera a Ivrea, negli spazi del Museo Civico Pier Alessandro Garda.

 

Dove: CAMERA Centro Italiano per la Fotografia, via delle Rosine 18, Torino

Quando: fino al 24 febbraio 2019